Home ECONOMIA Per quanto tempo conservare i documenti

Per quanto tempo conservare i documenti

Condividi questa notizia su:
Per quanto tempo conservare documenti

Conservare i documenti per affrontare con serenità i controlli fiscali

Scontrini, dichiarazioni dei redditi, bollette e fatture sono documenti che è necessario conservare per diverso tempo.
Ma è un attimo fare confusione e correre il rischio di non poter dimostrare di aver già effettuato un pagamento o non poter usufruire della garanzia di un prodotto perché non si ha più lo scontrino.

E la situazione può farsi ancora più complicata nel caso di controlli sulle dichiarazioni dei redditi: le spese che si detraggono devono sempre trovare corrispondenza nella documentazione da noi conservata.

Per quanto tempo conservare i documenti

Per fare un po’ di chiarezza, ecco un riepilogo dei tempi di conservazione dei documenti:

  • Utenze domestiche: in questa categoria rientrano tutte le spese per la casa. Nello specifico:
    • bollette di luce e gas, acqua e telefono
    • tassa sui rifiuti (Tari)
    • tasse sulla casa (Imu e Tasi)
    • spese condominiali
    • ricevute di pagamento del mutuo
    • affitto

Questo tipo di documenti va conservato per 5 anni.
Le bollette vanno tenute per 5 anni dalla data di scadenza. Per Tari, Tasi e Imu si intendono, invece, 5 anni dall’anno successivo a quello di pagamento o di presentazione della dichiarazione.

  • Bollo auto: le ricevute di versamento vanno conservate per 3 anni a partire da quello successivo alla scadenza.
  • Multe per infrazioni del codice stradale: vanno in prescrizione dopo 5 anni.
  • Scontrini: ai fini della prova d’acquisto, ma anche per potersi avvalere della garanzia di un prodotto, è indispensabile tenere lo scontrino di acquisto per almeno 26 mesi.
Ti potrebbe interessare anche: Carta di credito con pagamento Contactless: possiamo fidarci?
  • Parcelle dei professionisti: vanno conservate per 3 anni
  • Dichiarazione dei redditi: deve essere conservata, insieme alla documentazione ad essa legata, per 5 anni dall’anno successivo a quello in cui è stata presentata.
  • Bonus per le ristrutturazioni edilizie: l’importo della detrazione delle spese per questa tipologia di intervento viene suddiviso in rate annuali per 10 anni, perciò i documenti dovranno essere tenuti per 15 anni. I controlli fiscali, infatti, potranno essere effettuati fino a 5 anni dopo che si è dichiarata l’ultima rata del bonus.