Glossario Assicurazioni

Cerchi qualche termine tecnico del linguaggio assicurativo? Il nostro glossario potrà sicuramente esserti d’aiuto.

Consultalo e scopri il significato dei termini più utilizzati dalle compagnie assicurative e in generale dagli operatori del settore.

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z


A


Abbuono


È la riduzione concessa su una somma da pagare. Questo importo può arrivare anche alla totale rinuncia della riscossione da parte del creditore. L’abbuono si tratta di quella parte di premio rimborsata nel momento in cui l’assicurato stipula un nuovo contratto assicurativo: l’importo, solitamente, viene corrisposto sotto forma di uno sconto nel caso di un contratto annullato per sostituzione e viene riportato nella polizza sostitutiva.


Accertatore assicurativo

L’accertatore assicurativo, al momento dell’incarico da parte della compagnia assicuratrice, lavora a stretto contatto con i periti e si occupa di verificare che l’evento dannoso sia veritiero e accerta che non ci siano incoerenze tra le dichiarazioni e ciò che realmente è accaduto. Questa figura professionale si occupa del contenuto dei verbali, dei sopralluoghi necessari, dei referti dell’ospedale e di tutti i documenti utili per l’accertamento dell’evento dannoso. L’attività dell’accertatore assicurativo si conclude con la predisposizione di una relazione tecnica.


ADL – Activities Daily Living

È il metodo che viene utilizzato per misurare le coperture assicurative attraverso il Long Term Care, cioè l’indice che misura l’indipendenza funzionale nelle attività di base della vita quotidiana della persona nei soggetti anziani e nei malati cronici. Le attività sono classificate in: lavarsi, vestirsi, utilizzare il gabinetto, spostarsi, controllare la continenza e alimentarsi.


Agente di assicurazione

È una figura iscritta a un albo professionale gestito dall’ISVAP, che per una o più compagnie assicurative si occupa della ricerca di nuovi clienti, chiude nuovi contratti e gestisce i premi assicurativi. L’agente di assicurazione gestisce, in modo autonomo, la gestione di clienti e polizze, insieme allo sviluppo degli affari dell’agenzia assicurativa.


Aggravamento del rischio

È l’aumento del livello di probabilità che un rischio coperto dalla polizza assicurativa si trasformi in un evento reale. L’aggravamento del rischio è la modifica in senso peggiorativo delle condizioni iniziali del rischio coperto dalla polizza assicurativa.


Alea

Con Alea si indica il rischio inerente per ogni operazione contrattuale/negoziale, in riferimento alle prestazioni e alle rispettive variazioni di costi e valori.


Aliquota contributiva

È la contribuzione a carico di un lavoratore. Viene calcolata attraverso una percentuale sulla retribuzione utile ai fini del TFR e liberamente determinabile dall’iscritto a partire dallo 0,55% minimo. L’aliquota contributiva può essere sospesa in qualsiasi momento compilando e consegnando l’apposito modulo al datore di lavoro.


All Risks

All risks è un termine inglese che significa “tutti i rischi”. Si intende la copertura assicurativa che copre i rischi, anche quelli non menzionati nel contratto di assicurazione. Una polizza all risks, ad esempio, è quella per gioiellieri o per costruttori edili, esposti a una quantità più elevata di rischi.


Allestimento auto

L’allestimento dell’auto caratterizza i diversi aspetti del veicolo. Riguardano:

  • La potenza in KW
  • l’alimentazione
  • la cilindrata
  • la potenza (KW/cavalli vapore);
  • gli optional

ANDP

L’Attivo Netto Destinato alle Prestazioni è la valorizzazione della posizione pensionistica dell’assicurato. Nei fondi pensione indica la variazione di valore utile a calcolare l’erogazione della pensione futura.


Aliquota di retrocessione

L’aliquota di retrocessione è la percentuale in euro riconosciuta al cliente relativa al rendimento annuo lordo realizzato dalle polizze vita. La percentuale è in media stimata intorno all’80% ma può essere tanto più vantaggiosa per l’assicurato e il beneficiario quanto più è alta. Nel caso di percentuale al 100%, la compagnia assicuratrice è tenuta a versare all’assicurato l’intero rendimento realizzato nei fondi presenti nella gestione separata.


A.N.I.A.

È l’Associazione delle imprese assicuratrici operanti in Italia.


Anzianità contributiva

È la somma dei contributi accreditati durante la vita lavorativa di una persona. Per contributi si intendono quelli versati, riscattati e computabili. Esempio: quelli del servizio militare.


Appendice (Di polizza)

È un documento emesso dopo la conclusione del contratto. Attraverso l’appendice si può procede alla modifica di uno o più elementi originari. Queste operazioni possono comportare un aumento o una diminuzione del premio ed è parte integrante del contratto.


Arbitrato

Attraverso una clausola di arbitrato le parti demandano a un “arbitro”, che possono essere degli esperti di un determinato settore, la soluzione di eventuali controversie.


Assicurando

Per assicurando si intende il soggetto che effettua la proposta di assicurazione presso la compagnia assicurativa e in alcuni casi specifici può essere differente dal beneficiario della polizza.


Assicurato

Colui che è soggetto ad un rischio con riferimento al quale è stata stipulata la polizza. L’assicurato è titolare di tutti i diritti derivanti dalla polizza e quindi dell’interesse economico protetto (ad esempio, il proprietario del veicolo assicurato contro il furto). L’assicurato non coincide necessariamente con il contraente, che è colui che stipula il contratto di assicurazione e si obbliga a pagare il premio.


Assicuratore, agente assicurativo

L’assicuratore è l’impresa, con autorizzazione dell’ISVAP, che esercita l’attività di assicurazione. L’assicuratore è la figura contrattuale che dovrà impegnarsi, previo pagamento di una somma di denaro, a erogare le prestazioni previste dal contratto. Di solito viene identificato come l’agente assicurativo, in realtà è la compagnia che si impegna ad erogare le prestazioni nel soggetto fisico dell’agente.


Assicurazione a primo rischio assoluto

È la forma di assicurazione che impegna la compagnia assicuratrice ad indennizzare il danno verificatosi fino a concorrenza del valore assicurato, anche se quest’ultimo risulta inferiore al valore globale dei beni assicurati (valore assicurabile). Non si applica dunque, con questa forma di assicurazione, la cosiddetta regola proporzionale.


Assicurazione a primo rischio relativo

L’assicurazione a primo rischio relativo è la forma assicurativa per la quale devono essere indicati in polizza sia il valore assicurato, che rappresenta il massimo dell’indennizzo ottenibile dall’assicuratore, sia il valore delle cose assicurate (valore assicurabile). Se, al momento del sinistro, il valore dei beni assicurati risulta superiore al valore a questo titolo dichiarato in polizza, l’indennizzo viene ridotto secondo la regola proporzionale.


Assicurazione a valore intero

L’assicurazione a valore intero è la tipologia di assicurazione per la quale il valore assicurato deve corrispondere al valore dei beni assicurati (valore assicurabile). Nel caso in cui il valore dei beni assicurati sia superiore al valore assicurato si ha sottoassicurazione, in cui si applica la regola proporzionale per cui l’assicuratore indennizza il danno solo in parte, in proporzione al rapporto tra valore assicurato e valore assicurabile.


Assicurazione bagagli

Per assicurazione per il bagaglio si intende la polizza che tutela l’assicurato dai danni economici derivanti dal furto, incendio o mancata riconsegna del bagaglio da parte del vettore, in occasione di un viaggio. Il vantaggio è quello di risarcire l’assicurato delle spese che è costretto a sostenere per acquisti di prima necessità in conseguenza dell’evento dannoso.


Assicurazione contro i danni

Per assicurazione contro i danni si intendono tutte le tipologie contrattuali assicurative che prevedono il risarcimento verso l’assicurato da parte dell’assicuratore al verificarsi di eventi in grado di provocare danni economici alla persona o al patrimonio. Tra le forme assicurative specifiche abbiamo l’assicurazione incendio, l’assicurazione furto, l’assicurazione obbligatoria (RCA), l’assicurazione sanitaria e l’assicurazione bagagli. Secondo la formula di compensazione, il risarcimento deve corrispondere a quanto previsto in polizza e non deve comportare lucro per l’assicurato.


Assicurazione TFR

L’assicurazione del TFR è il contratto di assicurazione collettivo stipulato dai datori di lavoro al fine di garantire il trattamento di fine rapporto che spetterà ai dipendenti, in caso di interruzione del rapporto di lavoro.


Assicurazione della responsabilità civile

Per assicurazione della responsabilità civile si intende il contratto di assicurazione mediante il quale l’assicuratore si impegna a coprire il patrimonio dell’assicurato, in caso di sinistro, a titolo di risarcimento dei danni involontariamente cagionati a terzi e del quale l’assicurato risulta essere responsabile. La responsabilità civile può riguardare molti ambiti come la proprietà di un fabbricato o di una casa, l’automobile (si parla di rc auto), la responsabilità civile per l’inquinamento, ecc.


Assicurazione delle cauzioni

L’assicurazione delle cauzioni è una tipologia assicurativa che prevede un indennizzo da parte dell’assicuratore nei confronti di un terzo – beneficiario – qualora l’assicurato sia inadempiente verso gli obblighi previsti da un contratto o da una norma. Può svolgere la medesima funzione economica-giuridica delle cauzioni o delle fideiussioni bancarie.


Assicurazione furto

L’assicurazione furto è un contratto di assicurazione mediante il quale l’assicuratore si impegna ad indennizzare l’assicurato per i danni materiali causati da eventi quali furto, rapina, scippo e danneggiamento causato da tentativo di rapina nei confronti dei beni assicurati.


Assicurazione incendio

Questo tipo di contratto impegna l’assicuratore ad indennizzare l’assicurato per i danni materiali e diretti causati da incendi, scoppi, fulmini, esplosioni verso i beni assicurati. L’assicurazione incendio può riguardare una vasta tipologia di beni, per lo più riguardanti immobili, autovetture, macchinari.


Assicurazione obbligatoria (RCA)

Copertura assicurativa obbligatoria per tutti i veicoli ed i natanti che consente al conducente, o al proprietario del mezzo se persona diversa dal conducente, di coprire il rischio derivante dai danni causati a terzi dalla circolazione del veicolo o del natante stesso. Nelle assicurazioni obbligatorie per i veicoli il danneggiato può avvalersi dell’azione diretta, uno strumento che gli permette di chiedere il risarcimento direttamente all’assicuratore del responsabile.


Assicurazione sanitaria

L’assicurazione sanitaria è una tipologia di assicurazione, facoltativa ed integrativa del sistema del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), che va a coprire eventuali costi derivanti da problemi alla salute e alla persona in genere, affrontando le spese per il ricovero ospedaliero, le analisi specialistiche, l’assistenza sanitaria e non sanitaria domiciliare, ecc. Le polizze sanitarie di dividono in polizze indennitarie e polizze a rimborso.


Assicurazione sulla vita

L’assicurazione sulla vita è il contratto di assicurazione che impegna l’assicuratore, dietro il pagamento di un premio, a corrispondere al beneficiario della polizza un capitale o una rendita al verificarsi di determinati eventi relativi alla vita del soggetto assicurato. Per tale motivo le assicurazioni sulla vita si dividono in caso morte, caso vita o miste.


Assicurazioni indicizzate

Le assicurazioni indicizzate sono forme assicurative che vedono premi e capitali variare annualmente in base all’aumento degli indici Istat che stabiliscono il costo della vita. Si distinguono in: polizze a media indicizzazione, in cui le prestazioni dell’assicuratore variano annualmente del 50% rispetto all’indice del costo della vita con i premi che crescono di 3 punti in meno; polizze ad alta indicizzazione, in cui le prestazioni dell’assicuratore crescono annualmente del 50% rispetto all’indice del costo della vita più 3 punti, con i premi che crescono nella stessa misura.


Assicurazioni plurime

Nel caso delle assicurazioni plurime l’assicurato stipula separatamente più contratti di assicurazione presso diverse compagnie di assicurazione per coprire il medesimo rischio (es. furto), il medesimo bene (es.abitazione) o per un comune periodo di tempo. Deve essere reso esplicito e specificato nella polizza stipulata, altrimenti l’omissione costituisce la nullità della copertura.


Assicurazioni popolari

Le assicurazioni popolari sono le polizze vita destinate alle persone meno abbienti. Sono caratterizzate da: l’economicità del premio considerato il limitato capitale garantito, il pagamento del premio in rate mensili e l’esenzione dal controllo medico dell’assicurato. Ormai non sono più effettuate dalle compagnie italiane.


Assicurazione del credito

L’assicurazione del credito è il contratto di assicurazione in base al quale l’assicuratore garantisce una copertura del rischio nel caso in cui il debitore dell’assicurato si riveli insolvente e non adempia al pagamento alla scadenza stabilita. Non può essere stipulata per le operazioni finanziarie.


Assicurazione (Di contratto)

Operazione con cui un soggetto (assicurato) trasferisce ad un altro soggetto (assicuratore) un rischio al quale egli è esposto.
Ad esempio, il proprietario che assicura la propria automobile contro il rischio di furto trasferisce all’assicuratore le conseguenze economiche negative dell’eventuale verificarsi del furto.
La funzione che svolge l’assicurazione è l’eliminazione di una situazione di incertezza che grava su chi è sottoposto ad un rischio determinato. Per il proprietario dell’automobile assicurata viene meno l’incertezza perché egli sa che, in caso di furto, può contare sull’impegno dell’assicuratore a pagare l’indennizzo. L’eliminazione dell’incertezza si attua grazie al fatto che l’assicuratore, assumendo un numero elevato di rischi del medesimo tipo, è in grado di calcolare la probabilità del verificarsi del rischio e di ripartirne le conseguenze su una pluralità di soggetti ad esso egualmente esposti.


Attestato di rischio

È il documento che certifica la “storia assicurativa” ovvero che certifica la presenza o l’assenza di sinistri Responsabilità Civile Auto (R.C.A.) nel corso degli anni. Inoltre, sull’attestato di rischio viene riportata la classe Bonus/Malus maturata in base al numero di sinistri provocati dal veicolo assicurato.


Attività in regime di libera prestazione dei servizi

L’attività in regime di libera prestazione dei servizi è quell’attività esercitata da una compagnia assicurativa in un altro stato membro della Comunità Europea alle stesse condizioni dei professionisti che vi risiedono, senza dover per questo stabilirsi nello Stato in cui la prestazione è fornita, a differenza delle attività in regime di stabilimento. Gli intermediari assicurativi e riassicurativi, con residenza o con sede legale in Italia possono operare negli altri Stati membri, in regima di libera prestazione di servizi previa comunicazione all’ISVAP.


Attività in regime di stabilimento

L’attività in regime di stabilimento è l’attività assicurativa esercitata in un altro stato membro della Comunità Europea nel quale si dichiara di avere la sede legale. Secondo il Codice delle Assicurazioni, la compagnia assicuratrice può insediare la sede secondaria e dare inizio all’attività nei rami vita e rami danni in regime di stabilimento nel territorio italiano dal momento in cui riceve dall’autorità di vigilanza dello Stato di origine la comunicazione dell’ISVAP.


Autosufficienza

Per autosufficienza si intende la capacità di un individuo di gestire da solo le proprie necessità: questo vuol dire che l’autosufficienza va intesa come indipendenza nei confronti dell’ambiente esterno. Un individuo non-autosufficiente è quindi un soggetto dipendente, a causa di fattori biologico-naturali o di fattori socio-economici.


B


Bancassicurazione

Bancassicurazione è un termine che si riferisce allo stretto legame tra il sistema bancario e quello assicurativo. Con questo termine si intende la distribuzione di prodotti assicurativi attraverso le filiali bancarie. Con la Bancassicurazione si identifica pertanto la strategia adottata da banche e compagnie di assicurazione per cooperare nel settore assicurativo.


Benchmark

In un contratto il benchmark è quel parametro finanziario che il gestore persegue e che consentire al partecipante una verifica dei risultati raggiunti. Principale vantaggio del benchmark, costituito da indicatori finanziari elaborati da soggetti terzi, è la possibilità di valutare il rischio di un investimento.


Beneficiario

Per beneficiario si intende il soggetto che, in base alla designazione fatta dal contraente, riceve le prestazioni dell’assicuratore.


Bonus malus

È il sistema assicurativo applicato alle auto, ai motocicli e ciclomotori. Il premio dell’assicurazione pagato dall’assicurato varia con il punteggio sulla classe di merito: in assenza di sinistri si ottiene un bonus, ovvero una riduzione del premio. In presenza di sinistri si sale nella classe di merito con conseguente aumento del premio.


Bonus malus a scadenza

È una formula di tariffazione prevista dal sistema bonus malus, che prevede scatti di aumento o di riduzione del premio assicurativo a scadenze fissate in precedenza.


C


Calcolo contributivo

È il metodo utilizzato per il calcolo dell’ammontare della pensione di chi ha iniziato a lavorare dopo il 1 gennaio 1996. Il calcolo contributivo si basa su tutti i contributi versati durante l’intera vita lavorativa.


Calcolo misto

È il metodo per calcolare l’ammontare della pensione di chi non aveva ancora raggiunto 18 anni di contributi al 31 gennaio 1995. La pensione, in questo caso, è calcolata sia con sistema retributivo sia con sistema contributivo per l’anzianità maturata dal 1° gennaio 1996.

Per approfondire leggi anche Calcolo contributivo e Calcolo retributivo


Calcolo contributivo

È il metodo per calcolare l’ammontare della pensione di chi ha iniziato a lavorare dopo il 1 gennaio 1996. Tale sistema di calcolo si basa su tutti i contributi versati durante l’intera vita lavorativa.


Calcolo retributivo

Il calcolo retributivo è il metodo per calcolare l’ammontare della pensione, di chi al 31 gennaio aveva già cumulato 18 anni di contributi. La pensione viene calcolata sulla media delle retribuzioni (o redditi per i lavoratori autonomi) degli ultimi 10 anni lavorativi. Si basa su tre elementi: l’anzianità contributiva, la retribuzione/reddito pensionabile e l’aliquota di rendimento, pari al 2% annuo della retribuzione/reddito percepiti entro il limite di 42.111 euro al 2009 per poi decrescere per fasce di importo superiore.


Capitale assicurato

Si intende il massimo importo coperto da garanzia assicurativa. Il capitale assicurato si basa sulla dichiarazione del contraente del valore dei beni che sta assicurando.


Capitale decrescente

Il capitale decrescente riguarda le assicurazioni ramo vita. I contratti con capitale decrescente prevedono una riduzione del capitale versato all’aumentare degli anni di vita e il periodo di copertura prevista dall’assicurazione.


Capitale indicizzato

Formula che lega la prestazione del capitale assicurato all’inflazione dichiarata dall’ISTAT. Il capitale indicizzato consente di far fruttare il proprio capitale attraverso un rendimento reale e, al contempo, di recuperare la perdita del potere di acquisto.


Capitale protetto

Il capitale protetto è la tecnica di gestione del capitale investito che, pur offrendo una riduzione del rischio di andare incontro a perdite, non garantisce il ritorno completo del capitale investito come invece è presente nei fondi a capitale garantito dove il prezzo di rimborso corrisponde a quello di emissione. Si tratta di strumenti simili a quelli che includono la garanzia del capitale ma che allo stesso tempo sono caratterizzati da una struttura più aperta alle fluttuazioni del mercato azionario.


Capitale rivalutabile

Per capitale rivalutabile si intende la prestazione nella quale l’ammontare del capitale cresce in funzione di variabili come gestione separata, tasso tecnico anticipato e aliquota di retrocessione. Nelle polizze vita ad esempio preve un aumento delle prestazioni secondo scadenze predefinite e a vantaggio degli eredi in caso di morte accidentale del richiedente. La rivalutazione avviene ogni anno.


Capitalizzazione

Nelle assicurazioni sulla vita la capitalizzazione è il metodo per rivalutare il capitale garantito ai versamenti fatti dal contraente a favore del beneficiario.


CARD

La Convenzione tra gli Assicuratori per il Risarcimento Diretto, detta anche CARD, è stata introdotta dall’ANIA con lo scopo di regolamentare i rapporti tra tutte le compagnie assicuratrici nell’ambito della RC Auto. La CARD regola l’organizzazione pratica, tecnica e informatica della nuova disciplina del risarcimento diretto nell’ambito dell’RC auto.


Carenza

È il tempo tecnico tra la fine del contratto di assicurazione e la fine delle garanzie che prevedeva. Alcune di esse, durante questo periodo, si considerano ancora valide. È molto frequente nel ramo malattie per evitare di incorrere in assicurati che stipulano polizze in previsione di un imminente ricorso a cure mediche.


Carrozzerie convenzionate

Sono carrozzerie selezionate dalla compagnia di assicurazioni che permettono di riparare il veicolo senza anticipare i costi di riparazione in quanto il riparatore riceve il pagamento direttamente dalla compagnia.


Carta verde

La carta verde attesta l’estensione dell’efficacia dell’assicurazione obbligatoria R.C.A ai danni provocati dalla circolazione del veicolo assicurato in alcuni paesi esteri. Il documento non è necessario per la circolazione dei veicoli nei paesi dell’Unione Europea.


Certificato di assicurazione

Il Certificato viene rilasciato dall’assicuratore in cui si attesta l’adempimento dell’obbligo di assicurazione. Obbligatorio tenerlo sempre a bordo del veicolo per eventuali controlli, dal documento deve risultare il periodo di assicurazione per il quale l’assicurato ha pagato il premio.


Classe di merito

La classe di merito indica la posizione dell’assicurato all’interno della scala prevista per il sistema tariffario Bonus Malus. Le classi di merito sono 18 e corrispondono a livelli di premio crescenti: dalla classe 1 (migliore) alla 18 (peggiore). La prima volta che si stipula una polizza per un nuovo veicolo viene attribuita la classe 14, detta anche “classe di ingresso”.


Collisione (Garanzia)

È una copertura assicurativa che copre l’auto per tutti i danni derivanti da collisione con un altro veicolo identificato durante un incidente stradale. Non prevede, come la Kasko, il rimborso in caso di uscita di strada, urto contro un ostacolo o collisione con un veicolo non identificato.


Constatazione amichevole d’incidente 

È il modulo previsto dalla legge per denunciare il sinistro alla propria compagnia di assicurazione. Al suo interno ci sono tutti i dati relativi all’incidente, come per esempio l’identificazione dei conducenti e dei veicoli insieme all’intera dinamica del fatto. Quando il modulo viene presentato da tutte le parti si presume che il sinistro si sia presentato nelle circostanze, con le modalità e con le conseguenze descritte nel modulo stesso.


Concorso di colpa

Condizione che si verifica quando in un sinistro, tra due o più veicoli, è possibile riscontrare le responsabilità di due o più soggetti coinvolti. Il risarcimento dei danni viene ridotto in misura proporzionale alla percentuale di colpa di ciascuno. Se non vi sono elementi certi per stabilire la responsabilità, si ricorre all’art. 2054 del Codice Civile, secondo il quale entrambi i conducenti si presumono responsabili in misura uguale.


Contraente

È la persona, fisica o giuridica, che stipula il contratto di assicurazione e che è obbligata a pagare il premio previsto da tale contratto. È importante ricordare che il contraente può non coincidere con l’assicurato. Le due figure coincidono quando il contraente assicura un interesse di cui è titolare, ad esempio un veicolo di sua proprietà.


Contrassegna d’assicurazione

È il documento che, insieme al certificato d’assicurazione, certifica l’assolvimento dell’obbligo di assicurazione. Viene rilasciato dall’assicuratore e contiene il nome della impresa di assicurazione, l’indicazione del numero di targa del veicolo o del numero di telaio del ciclomotore e la data di scadenza del periodo per il quale è stato pagato il premio.


Cristalli

È una garanzia opzionale che prevede il rimborso, in caso di rottura accidentale o per fatto involontario di terzi, del parabrezza, del lunotto posteriore, o dei cristalli laterali dell’auto.


D


Danno

Per danno si intende il pregiudizio di natura economica, biologica, morale subito dall’assicurato in seguito a un sinistro, nei casi di RC, o da un terzo vittima di un comportamento illecito dell’assicurato. Il danno può essere di natura patrimoniale, biologico, di natura non patrimoniale se si parla di danno morale.


Danno biologico

È la tipologia di danno derivante dalla lesione dell’integrità psico-fisica della persona, valutato sul piano medico. Esso si configura indipendentemente dalla sua incidenza sulla capacità di produzione del reddito o mancato guadagno.


Danno morale

Noto anche come danno non patrimoniale e riguardante la sfera psichica della persona, il danno morale si configura come danno causato dalle temporanee sofferenze psico-fisiche subite direttamente dalla vittima del fatto illecito o per interposta persona (morte o sofferenza di un congiunto).


Danno patrimoniale

Si riferisce alla perdita economica subita dall’assicurato o da un terzo danneggiato a seguito di un evento configurabile come reato.


Diaria

È la garanzia accessoria nella forma del risarcimento pecuniario tipica delle assicurazioni contro i danni alla persona. Il risarcimento viene concesso dall’assicurazione per ogni giorno di inabilità temporanea conseguente a infortunio.


Differimento

È l’intervallo di tempo tra la stipula del contratto di una polizza a vita e il momento in cui l’assicuratore comincia a corrispondere il capitale o la rendita derivante dalla polizza.


Differimento del capitale a scadenza

È il tempo tra la stipulazione di una polizza vita e il momento in cui l’assicuratore paga il capitale. L’opzione consente all’assicurato di ottenere, se in vita alla scadenza del periodo di differimento, il capitale assicurato rivalutato in base ai rendimenti retrocessi e consolidati durante tale periodo.


Disdetta

È la comunicazione fornita dall’assicurato all’assicuratore dall’assicurato entro la scadenza del periodo di copertura assicurativa per evitare il tacito rinnovo del contratto di assicurazione, se previsto nel contratto. Può essere intesa anche come preavviso scritto fatto pervenire all’assicurato da parte dell’assicuratore dopo la denuncia di danno.


E


Eredi legittimi

Sono le persone a favore delle quali deve essere eseguita la prestazione della polizza vita, nel caso in cui l’assicurato si infortuni in assenza di un beneficiario designato o muore. Gli eredi legittimi possono essere anche designati per testamento.


F


Franchigia

È una limitazione alla copertura assicurativa prevista all’interno della polizza. La franchigia può essere di due tipi: franchigia assoluta, se il suo ammontare rimane in ogni caso a carico dell’assicurato, qualunque sia l’entità del danno che egli ha subito; franchigia relativa se l’applicazione o meno della stessa dipende dall’entità del danno: se il danno è inferiore alla franchigia l’assicuratore non sarà tenuto a versare alcun risarcimento, se invece è superiore sarà obbligato a corrispondere l’intero ammontare del danno senza tener conto della franchigia.


Franchigia temporale

Vedi Carenza


G


Garanzia di sinistri

La garanzia di sinistri è l’assicurazione trasporti che copre tutti i sinistri che si verificano nell’arco temporale di garanzia.


Gestione separata

È un fondo creato dalle compagnie di assicurazione per gestire i premi delle polizze del ramo vita rivalutabili in modo separato rispetto al complesso delle attività dell’impresa.


I


ISVAP

L’ISVAP viene istituito in Italia nel 1982 e si configura come ente dotato di personalità giuridica, nonché di diritto pubblico. L’ente ha lo scopo di vigilare sull’operato delle imprese e dei soggetti, agenti e mediatori, che rientrano nel settore assicurativo privato italiano.


INPDAP

L’INPDAP è l’Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti della Pubblica Amministrazione. Rappresenta dopo l’INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale) il secondo pilastro del sistema pensionistico italiano.


L’invalidità permanente

L’invalidità permanente è una forma molto grave di danno fisico, causata, come nel caso dell’inabilità temporanea, da un infortunio o da una malattia. Affinché un danno possa essere configurato come invalidità permanente, deve essere irrimediabile e condizionare per sempre la vita dell’assicurato. Deve inoltre manifestarsi dopo l’infortunio, in modo da essere direttamente collegabile ad esso, e deve impedire all’assicurato lo svolgimento di qualsiasi attività lavorativa.


K


Kasko

È l’assicurazione che tutela dai danni causati al veicolo assicurato a seguito di eventi (come per esempio un sinistro). Due formule: la prima che impegna l’assicuratore a indennizzare i danni provocati dalla collisione con altro veicolo, dall’urto, o da un ribaltamento. La seconda solo i danni provocati da collisione con altro veicolo.


L


Long Term Care (LTC)

Sono forme di investimento previdenziale a copertura delle spese economiche di assistenza a seguito della perdita di autosufficienza per infortunio, malattia o vecchiaia. La copertura scatta quando l’assicurato non può più provvedere ai suoi bisogni primari autonomamente. Le assicurazioni sulla vita a rendita vitalizia rappresentano una delle forme di Long Term Care più note e prevedono, dietro pagamento di un premio unico, una rendita pensionistica di base e il pagamento di una rendita aggiuntiva dello stesso importo in caso di perdita dell’autosufficienza.


M


Massimale

Il massimale è la somma massima che può essere liquidata da un’impresa di assicurazione verso l’assicurato.


N


Nota informativa

È un documento che deve obbligatoriamente essere fornito all’assicurato nell’ambito delle polizze vita nella fase della proposta di assicurazione. Contiene le condizioni generali della polizza e gli elementi del progetto assicurativo individuale.


P


Polizza a viaggio

È il contratto di assicurazione per la copertura di specifiche importazioni o esportazioni di merci. Viene solitamente utilizzata dall’operatore che intende avvalersi della copertura assicurativa solamente e specificatamente per un singolo viaggio.


Polizza caso vita

È il contratto di assicurazione con il quale l’assicuratore si impegna a liquidare l’assicurato con un capitale o una rendita vitalizia se alla scadenza del contratto l’assicurato è ancora in vita. Solitamente vengono utilizzate come forma pensionistica.


Polizza globale

La polizza globale prevede garanzie relative a più rami nello stesso tempo. Un esempio tipico di polizza globale è quella sui fabbricati, nella quale coesistono più garanzie a copertura di rischi e rami diversi (incendio del fabbricato, cristalli, infortuni del portiere, ecc).


Premio

È la somma di denaro versata dal contraente all’assicuratore a garanzia della copertura assicurativa. Può essere ‘Unico’ nel caso venga versato dal contraente una sola volta, e ‘Periodico’.


Provvigione

La provvigione rappresenta il compenso per i broker o gli agenti che concludono un affare, corrisposto dall’impresa o dall’agente al produttore, del subagente, o del segnalatore.


Q


Quietanza

Per quietanza è la ricevuta che attesta l’avvenuto pagamento del premio all’assicurato/contraente. L’assicuratore rilascia quietanza del pagamento del premio da parte del contraente. L’assicurato o il terzo danneggiato rilasciano quietanza del pagamento dell’indennizzo da parte dell’assicuratore.


R


RC della famiglia

L’RC famiglia è la formula unica per la polizza assicurativa della responsabilità civile a garanzia e copertura dei rischi per tutti i componenti della famiglia.


RC professionale

L’RC professionale è la polizza per la copertura assicurativa della responsabilità civile dei liberi professionisti.


Revoca

La revoca, nelle polizze vita, è il documento comunicato all’assicuratore o per testamento che prevede l’annullamento del beneficiario designato.


Risarcimento

Per risarcimento si intende la somma di denaro che il responsabile del danno è tenuto a corrispondere al danneggiato.


Rivalsa

È il diritto di richiedere al suo assicurato la somma liquidata ad un terzo danneggiato, nel caso in cui si verifichino determinate situazioni previste in una polizza.


S


SIM

Società di Intermediazione Mobiliare. Si intendono quelle imprese autorizzate a prestare i servizi di investimento in servizi finanziari.


Sinistro

Se l’evento futuro ed incerto economicamente sfavorevole viene definito rischio, per sinistro si intende il verificarsi del rischio per il quale è presente la garanzia assicurativa. Ad esempio, in una polizza contro gli incendi, il sinistro è rappresentato dall’incendio che colpisce la cosa assicurata.


T


Tariffa

La tariffa è il prospetto dei costi relativi ai premi da presentare alla clientela in ordine alla copertura delle diverse tipologie di rischio, relativamente ai singoli Rami. La tariffa comprende norme, clausole, prezzi, dettagli tecnici come franchigia e scoperto.


Trattamento di Fine Rapporto (TFR)

È una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della cessazione del rapporto di lavoro dal datore di lavoro al lavoratore dipendente. Tale trattamento si calcola sommando per ciascun anno di servizio una quota pari e comunque non superiore all’importo della retribuzione dovuta per l’anno stesso divisa per 13,5.


U


Uci

L’Ufficio Centrale Italiano, U.C.I., è un organo amministrativo di diritto internazionale operante come ufficio nazionale di assicurazione per l’Italia. Viene fondato nel 1953 ad opera del Council of Bureau, l’organizzazione europea che gestisce il sistema internazionale della Carta Verde.


Chiudi
Indica il Numero e ti chiamiamo noi

Offerta selezionata:

Caratteristiche:

 
 
Il Customer Service è la Nostra Forza