Home INTERNET CASA E MOBILE ho.Mobile

ho.Mobile

ho.mobile
Sommario:

Storia di ho.Mobile

Il lancio dell’operatore virtuale di telefonia ho.Mobile è avvenuto il 22 giugno 2018, poche settimane dopo l’arrivo in Italia di Iliad. 

Gestito da Vodafone, ho. è nato con l’intento di inserirsi nel mercato della telefonia low cost e ha subito sorpreso il pubblico con la sua formula “zero sorprese”. La compagnia promette infatti una totale trasparenza nelle tariffe e nessun costo extra. Tutti i servizi digitali sono disabilitati, così come i numeri a pagamento. 

Come contattare ho.Mobile

Ci sono diversi modi per contattare l’operatore:

  • Guide online e community. ho.Mobile mette a disposizione degli utenti l’ho.fficina, l’area di supporto dove trovare soluzioni suggerite dagli esperti e avere la possibilità di confrontarsi con altri clienti.
  • App ho. Per ricevere assistenza basta cliccare sulla voce “Supporto“.
  • Call Center. Gli operatori sono disponibili tutti i giorni al numero gratuito 19.21.21.

La copertura di ho.Mobile, come verificarla

Ho è un MVNO, un gestore virtuale non dotato di una rete proprietaria. L’operatore si appoggia quindi alle infrastrutture di Vodafone, avvalendosi anche della rete 4G.

Perciò, visto che Vodafone riesce a coprire gran parte del territorio italiano, ho.Mobile può contare su una copertura altrettanto estesa

Come ricaricare con ho.Mobile

Dove è possibile ricaricare ho.Mobile?

  • Online, dall’app ho. oppure dall’area personale del sito, con carta di credito, PayPal e Postepay;
  • Attivando il servizio di Autoricarica;
  • Nei punti vendita ho.;
  • Nelle tabaccherie;
  • Nelle ricevitorie e bar collegati alla rete di Lottomatica Italia Servizi, nei SisalPay abilitati, nei punti vendita Paymat e Snai abilitati e quelli della rete epay;
  • Nelle edicole della rete M-Dis Distribuzione abilitate;
  • Tramite le app Satispay e Google Pay;

Come verificare credito residuo di ho.Mobile

Quando il credito di una SIM ho.Mobile sta per esaurirsi, l’operatore invia un sms di avviso.

Per conoscere il proprio credito residuo è quindi possibile:

  • Chiamare il numero 4.21.21 e seguire le indicazioni della voce registrata. Oltre al credito residuo sulla SIM potrai conoscere anche le soglie del tuo piano tariffario.
  • Scaricare e consultare l’app ho. sul tuo smartphone (basterà cercarla su App Store dall’iPhone o su Play Store per dispositivi Android). Dall’app, sarà possibile inoltre ricaricare la scheda SIM nel caso in cui il credito fosse effettivamente esaurito.
  • Attraverso il sito web di ho.Mobile. Basterà cliccare su Accedi e inserire le credenziali del proprio profilo.

Passare a ho.Mobile

La prestazione di portabilità, in inglese mobile number portability (MNP), è il servizio che permette di diventare cliente ho., conservando il vecchio numero di cellulare.

La portabilità del numero prevede infatti il coinvolgimento del nuovo operatore telefonico, ovvero il ricevente, e di quello vecchio, ovvero il cedente.

Quando si cambia operatore si può scegliere tra due tipi di portabilità:

Incondizionata. Viene assegnato un numero ho. provvisorio che si può utilizzare da subito, mentre il vecchio numero rimane attivo con il vecchio operatore. Una volta completato il passaggio, il numero provvisorio viene disattivato e sostituito con il vecchio numero.
Condizionata. In questo caso si mantiene il vecchio operatore fino al momento in cui viene completato il passaggio del numero a ho.

Procedura di portabilità. I documenti richiesti

Una volta scelte le tariffe telefonia mobile di ho.Mobile, sarà necessario presentare la vecchia SIM, un documento di riconoscimento e il codice fiscale. 

Una volta firmato il contratto ha inizio il periodo di attivazione, che parte dalla richiesta del cambio operatore da parte del cliente e termina con l’effettiva portabilità del numero. Nel periodo di attivazione è compreso quello di realizzazione, durante il quale sono le due compagnie a intercedere per mantenere la portabilità.

Come stabilito dall’Agcom, il periodo di realizzazione non può superare il limite di un giorno lavorativo.