Home LIFESTYLE Cosa vedere a Tropea, la perla del Tirreno

Cosa vedere a Tropea, la perla del Tirreno

Condividi questa notizia su:

Lungo la costa calabrese, arroccata sul promontorio del Poro e protetta da lussureggianti colline, sorge Tropea, antica cittadina in provincia di Vibo Valentia, che si affaccia sul mar Tirreno.

È strutturata in zona superiore, dove si concentra la maggior parte della popolazione, e in una inferiore, detta “Marina”, in prossimità del mare e del porto.

Luogo affascinante grazie anche al mistero della sua fondazione, che la leggenda attribuisce a Ercole, durante il ritorno dal suo viaggio con gli Argonauti; è sicuro, invece, il passaggio dei Romani.

La cinta muraria, mura di Belisario del centro storico, al quale si accedeva tramite delle porte munite di sistemi di difesa, risale al periodo bizantino.

Da visitare

Sono da visitare i numerosi palazzi nobiliari del XVIII-XIX secolo, a picco sul mare, con i loro “portali”, raffiguranti le famiglie nobiliari.

Di notevole interesse è il Santuario di Santa Maria dell’Isola, edificato su un promontorio di arenaria prospiciente la città, che fu abitato dai monaci benedettini intorno all’XI secolo e che rappresenta il simbolo di Tropea; la Cattedrale romanica di Santa Maria dell’Isola, databile al 1100, che custodisce la sacra immagine della Madonna di Romania, protettrice della città; il Convento della Pietà, costruito nel 1639, allo scopo di accogliere la giovane nobiltà tropeana, che fu poi utilizzato come carcere e infine come sede dell’asilo cittadino; inoltre il Museo diocesano, che ospita pregevoli opere d’arte, la chiesa del Gesù, nel centro storico, e quella dell’Annunziata del XVI secolo.

Le spiagge

Tropea si trova in uno dei litorali più rinomati d’Italia, con i suoi costoni rocciosi, interrotti da spiagge di candida sabbia, grotte da scoprire e piccole baie isolate, che si affaccia su un mare limpido, dipinto dal sole con i suoi tramonti mozzafiato.

Nella cittadina ci sono diverse strade e scalinate che conducono direttamente alle spiagge, come per esempio la spiaggia del Cannone, che si trova dietro il molo nord del porticciolo. Piccola e non affollata, è adatta alle esigenze di chi ama la tranquillità.

Dalla spiaggia della Rotonda, incastonata tra l’imponente scoglio di San Leonardo e altri di minore dimensione, si può ammirare la zona vecchia di Tropea. È attrezzata e offre vari servizi, quali il noleggio di canoe e pedalò. È raggiungibile dalla scalinata dei Carabinieri.

Vicinissimo c’è la spiaggia Marina dell’Isola, dalla quale si può ammirare il Santuario di Santa Maria e raggiungere lo scoglio dell’Isola Bella, famoso per le sue affascinanti grotte da esplorare, tra cui la Grotta del Palombaro.

Dalla spiaggia della Marina, scendendo la scalinata di Largo villetta, si accede a quella ‘a Linguata (“spiaggia a forma di lingua”), dove si può godere il sole sdraiati su una distesa di sabbia bianca, bagnata da un mare cristallino. È attrezzata e si può praticare lo snorkeling, per apprezzare gli spettacolari fondali, e vari sport acquatici.

La spiaggia di Passo Cavalieri è caratterizzata da un’ampia distesa di sabbia chiara e fine, con ciottoli e scogli vicino alla riva. Qui si possono fare escursioni tra le scogliere ricoperte di vegetazione e immersioni nel mare dal colore intenso. È attrezzata e dotata di punti di ristoro.

Per arrivare alla spiaggia del Convento si deve scendere l’omonima scalinata, così chiamata per l’antico convento che la domina dall’alto; la sabbia bianca del suo lungo arenile si mischia a piccoli ciottoli levigati. È la meta ideale per gli amanti delle immersioni e dello snorkeling. Il suo fondale è profondo, perciò non è consigliabile alle famiglie con bambini. È attrezzata con punti di ristoro.

Non può mancare una gita alla Grotta Azzurra o dello Scheletro, vicino alla spiaggia di Petri i Mulini, dove si trova una cava naturale, che serviva a ricavare la pietra per realizzare le ruote dei mulini e dei frantoi. I visitatori si trovano immersi in un ambiente di colore azzurro, dovuto ai giochi di luce del mare e dei raggi solari, che si insinuano attraverso piccole fessure della roccia: da qui il suo nome. Si può raggiungere sia via mare che via terra.

Dove dormire

Dove mangiare