Home LIFESTYLE Come ottenere rimborso volo aereo cancellato o in ritardo, l’app che ti...

Come ottenere rimborso volo aereo cancellato o in ritardo, l’app che ti aiuta

Condividi questa notizia su:
risarcimento ritardo aeroporto bambino seduto sulla valigia

Risarcimento ritardo volo aereo: Air Help lo chiede per te.

Air Help è l’applicazione più temuta dalle compagnie aeree. In pochi conoscono quest’app che aiuta a ottenere il risarcimento di voli cancellati o in ritardo. E lo fa in modo semplice ed economico.

E’ vero: un ritardo aereo, o un volo cancellato, possono capitare. Ma non significa che tu debba accettarlo. Non tutti sanno che esiste una legge europea che obbliga le compagnie aeree a risarcire i passeggeri in caso di voli in grosso ritardo, cancellati, overbooking, per problemi con i bagagli o in caso di lesioni personali. I passeggeri di voli europei che ne hanno diritto devono essere risarciti fino a  600€.

Le compagnie aeree però cercano di tenere lontano i passeggeri dalle iniziative legali seducendoli con dei buoni pasto o delle offerte sui voli successivi. La maggior parte delle volte è un espediente che funziona.

Ma l’alternativa esiste, è Air Help. Come funziona?

Prezzogiusto l’ha analizzata, testata e valutata tenendo conto anche delle esperienze – puoi leggerne qualcuna anche su TripAdvisor o su Trustpilot – degli utenti soddisfatti e di quelli delusi: ecco il risultato.

Cosa è Air Help e cosa promette

Air Help è nata da una star up danese che, con il suo team composto da analisti e legali, entra in soccorso dei passeggeri. Se sei vittima di un volo cancellato, o di uno in ritardo, ma anche in caso di overbooking, perdita bagaglio o lesioni personali Air Help ti aiuta a sbrigare tutte le pratiche necessarie per la richiesta di un risarcimento.

La richiesta deve essere inoltrata entro tre anni (dalla data del ritardo o della cancellazione). Come stabilito dalla legge l’ammontare ottenibile varia da un minimo di 250 ad un massimo di 600 euro.

Se la pratica va a buon fine Air Help trattiene il 25% della somma quale compenso di copertura delle spese legali e di assistenza. Il viaggiatore non è tenuto a pagare se non si riesce a ottenere nulla.

Potrebbe anche interessarti: Sardegna terra di monumenti: dieci bellezze naturali mozzafiato

Procedura per la richiesta di risarcimento per un volo in ritardo

Valutiamo l’esempio di inoltro richiesta risarcimento per un volo in ritardo.

STEP 1: l’inserimento dei dati

schermata-accesso-air-help

Il primo passo è quello di installare la versione adatta (iPhone e Android entrambe disponibili) su tablet o smartphone o, in alternativa, utilizzare la web app.

Accedere tramite Google, Hotmail, Outlook o con Facebook se non possiedi nessuno di questi account.

Dalla pagina iniziale dell’interfaccia su smartphone scorrere lo schermo e posizionarsi sulla seconda scheda per visualizzare il tipo di problema per il quale si vuole chiedere un rimborso. La scelta è tra Volo in ritardo, Volo Cancellato, Imbarco negato, Problemi con i bagagli e Lesioni personali.

opzioni-rimborso-air-help

Il ritardo è la causa più frequente di richiesta risarcimento e Air Help si vorrà accertare che ci siano i presupposti per intervenire. Assicurarsi che il ritardo abbia le seguenti caratterische:

  • deve superare le 3 ore rispetto all’orario di arrivo previsto
  • sia imputabile alla compagnia aerea per problemi tecnici o conflitti negli schedulati di volo

Sarai inoltre informato del fatto che l’idoneità dipende dai dati del tuo volo poiché a seconda della destinazione il risarcimento è regolato da leggi diverse.

Nella schermata successiva dovrai inserire gli aeroporti di partenza e di destinazione finale, il numero di scali e la copia scannerizzata della carta d’imbarco (hai l’opportunità di scansionarla direttamente attraverso l’app).

destinazione-volo-air-help

Aggiungere poi i dettagli del ritardo, la motivazione fornita dalla compagnia, il nome della compagnia aerea e le specifiche del volo. Se non ricordi tutti i dati, Air Help ti rimanda direttamente alle tue caselle di posta per recuperare velocemente le informazioni utili dai biglietti aerei elettronici ricevuti via mail.

A questo punto otterrai una stima della somma che la compagnia aerea dovrebbe risarcirti.

STEP 2: invio delega

Air Help ti chiederà ora di caricare la delega, all’avvocato del team, ad agire in tuo conto per la richiesta di rimborso. Scarica il modulo di delega cliccando su Controlla il Modulo di delega. Apri il documento e clicca su Clicca e firma per inserire la tua firma. Compila gli ultimi campi relativi ai tuoi dati anagrafici e alla tua residenza e inoltra la richiesta.

Da questo momento sarà tutto nelle mani di AirHelp.

STEP 3: la mediazione di Air Help

Il prossimo passo è semplice: non dovrai far nulla se non attendere che Air Help faccia il suo lavoro. L’attesa non è stimabile perché dipende dall’apertura alla mediazione concessa dalle compagnie aeree.

Potrebbe anche interessarti: Dove sciare Low Cost: quattro mete per la settimana bianca

Cosa succede dopo?

Nella peggiore delle ipotesi la compagnia aerea non vorrà trovare un compromesso e AirHelp potrebbe valutare che non vale la pena intentare una causa legale.

Ma nella maggior parte dei casi il rimborso è assicurato, che si tratti di un risultato di mediazione o che si vada in causa contro la compagnia aerea.

In ogni caso è Air Help a occuparsi di tutto e ad accreditarvi il dovuto – vi chiederà i dati bancari per il bonifico – trattenendo il 25%, del totale di cui si ha diritto, quale compenso di copertura delle spese legali e di assistenza.

Secondo le stime di Air Help ogni anno si effettuano circa 1 milione e 300 mila voli. Significa che ci sono 150 milioni di passeggeri che acquistano un biglietto: fra questi il 2% (quasi 3 milioni di persone) potrebbe fare ricorso e vincerlo in quanto coinvolto in un ritardo (o annullamento, overbooking, problemi con i bagagli o lesioni personali). Stiamo parlando di un mercato da 1,3 milioni di euro ogni anno.

Non perderti: Sardegna terra di monumenti: dieci bellezze naturali mozzafiato