Il Magazine di Prezzogiusto
Invia:
Condividi:

Ma che caldo fa! – Come prendersi cura degli animali domestici in estate

9 Luglio 2021 News Assicurazioni

Se per gli amici a 4 zampe la primavera nasconde numerose insidie, l’estate è altrettanto pericolosa. Per proteggerli e tutelarli in ogni momento la soluzione migliore è sottoscrivere una polizza sanitaria cane e gatto che li metta al sicuro dai rischi più diffusi e se a questo uniamo dei semplici accorgimenti per garantire il loro benessere, affrontare la stagione più calda con nostri amici pelosi diventa meno spaventoso.

Sole e caldo eccessivo, attenti a quei due!

Così come succede all’uomo, anche gli animali domestici possono essere vittime di colpi di calore, soprattutto se cuccioli, anziani o con patologie. Perciò al manifestarsi di sintomi come agitazione, respirazione accelerata, difficoltà a camminare, febbre e disidratazione, è necessario portare l’animale in una zona fresca e ventilata, cercare di refrigerarlo con un panno bagnato e per sicurezza farlo visitare da un veterinario.

Per evitare che cani e gatti corrano questi pericoli e rischino addirittura la vita, quindi, conviene sempre seguire alcune regole.

  • Meglio prediligere le prime ore del mattino o la tarda sera per portare a spasso il nostro amico peloso.
  • Mai lasciare gli animali legati sotto il sole, oppure da soli in macchina, anche se con i finestrini abbassati e in un parcheggio all’ombra. L’abitacolo può diventare una vera trappola infernale perché si riscalda velocemente, provocando nell’animale iperventilazione e altre difficoltà respiratorie.
  • Fare in modo che abbiano sempre dell’acqua fresca a disposizione.

In giardino e al parco

Insetti e parassiti sono nemici molto pericolosi per cani e gatti. Perciò, ecco una lista di consigli utili per difendere i nostri amici a 4 zampe dalle minacce che possono incontrare all’aria aperta.

  1. Se ci si accorge che l’animale è stato punto da un’ape o una vespa, la prima cosa da fare è rimuovere il pungiglione e pulire la zona interessata dalla puntura. Poi non resta che tenere sotto controllo la situazione. Se appare un rigonfiamento sospetto o l’animale inizia a vomitare, potrebbe essere in atto uno choc anafilattico e deve intervenire immediatamente il veterinario.
  2. È bene ispezionare spesso il mantello di cane e gatto: tra i peli potrebbero nascondersi zecche e pulci, parassiti veicolo di molte malattie, alcune anche trasmissibili all’uomo, e per questo da contrastare con profilassi e trattamenti specifici.
  3. Starnuti ripetuti, tosse, manifestazioni di fastidio alle orecchie, agli occhi e alle zampe sono segnali di allarme che a volte indicano la presenza di forasacchi, spighe delle graminacee. Queste possono provocare fastidiosi problemi e, nei casi più gravi, anche la morte dell’animale. È quindi consigliabile chiamare il veterinario per capire come comportarsi.

In previsione delle vacanze estive

Prima di partire per le vacanze con il proprio animale domestico, è importante assicurarsi che tutto sia pianificato al meglio e che il benessere di cani e gatti venga garantito in ogni momento.
Cosa fare prima della partenza? Per comodità abbiamo stilato un elenco di passaggi da seguire:

  • Fare un check-up dal veterinario per verificare che l’animale sia in salute e in regola con le vaccinazioni.
  • Assicurarsi che cani e gatti siano identificabili tramite microchip, una garanzia importante nel caso in cui, durante la vacanza, si allontanino o si smarriscano. Allo stesso scopo, può rivelarsi utile mettere al collo del nostro amico a 4 zampe anche una medaglietta di riconoscimento personalizzata con il nome e un numero di telefono da contattare in caso di emergenze.
  • Scegliere una destinazione e una struttura pet-friendly, dotata di spazi e servizi adeguati agli animali domestici.
  • Ricordare di portare con sé il libretto sanitario dell’animale.