Home RISPARMIO Bolletta della luce non pagata: quando staccano la corrente?

Bolletta della luce non pagata: quando staccano la corrente?

Condividi questa notizia su:
bolletta non pagata distacco corrente

Non ho pagato la bolletta della luce: cosa succede ora?

Potrebbe capitare, a volte, di non riuscire a pagare le bollette della luce in tempo o, semplicemente, dimenticare di farlo. Di seguito una guida per sapere come e con quali tempistiche avviene il distacco e, soprattutto, per conoscere la procedura di riallaccio.

Sommario:

Bolletta non pagata: dopo quanto avviene il distacco luce?

Ci sentiamo di rassicurarti da subito: il gestore non può interrompere la fornitura senza prima aver avviato una procedura di avviso. L’Arera ha stabilito un termine minimo di 20 giorni dal momento in cui il fornitore invia la diffida.

Nel dettaglio tutti i passaggi:

  • Avviso bonario – Accertata la morositĂ , il fornitore invierĂ  un avviso in bolletta con un termine massimo entro cui sarĂ  necessario regolarizzare il debito senza incorrere in penalitĂ .
  • Invio della raccomandata con la diffida – Superato il termine stabilito dall’avviso bonario il fornitore invierĂ , tramite raccomandata o PEC, la diffida formale: a questo punto sarai costretto a pagare il dovuto entro il nuovo termine indicato.
  • Riduzione di potenza di energia – Se si continua a evitare i pagamenti il fornitore ridurrĂ  del 15% la potenza del contatore
  • Distacco luce – Trascorsi 20 giorni dall’invio della diffida il fornitore può sospendere l’utenza
La raccomandata con diffida, per essere legittima, deve contenere i termini entro i quali eseguire il saldo insoluto, quelli di riduzione di potenza e i costi delle operazioni di riduzione, sospensione e riattivazione.

Quando il distacco della luce è illegittimo?

La sospensione della luce è illegittima nel caso in cui:

  • La diffida non sia stata spedita all’utente
  • La sospensione cada di venerdì, sabato, domenica o nei giorni festivi
  • Sia stato presentato un reclamo e la societĂ  non ha fornito una risposta
  • Il deposito cauzionale sia maggiore o uguale all’importo non pagato
  • I termini di pagamento siano inferiori rispetto a quanto stabiliti dal Garante
Potrebbe interessarti anche: Bonus luce per disagio economico, chi ne ha diritto e come ottenerlo

Come riattivare una fornitura sospesa

Per richiedere la riattivazione della fornitura è necessario pagare gli importi non richiesti e comunicare al fornitore l’avvenuto pagamento. Per farlo, basterĂ  contattare il Servizio clienti al numero indicato sulla bolletta. Il fornitore dovrĂ  comunicare una data di riattivazione del servizio.

Se il ripristino della fornitura non avviene nei termini indicati è possibile richiedere un rimborso.

Gli arretrati e la lettera di sollecito

La bolletta non pagata cade in prescrizione trascorsi due anni.

Attenzione però: se il fornitore dovesse inviare una lettera di sollecito entro i due anni, il conteggio ripartirebbe dalla data di ricezione del sollecito. Il rischio è quello di non vedere mai prescritta la bolletta, per via di un invio sistematico di reminder da parte del fornitore.

Potrebbe interessarti anche: Come cambiare fornitore luce | Le guide di Prezzogiusto

La rateizzazione delle bollette

Le spese del bilancio familiare, come ad esempio i conguagli relativi alle bollette della luce, possono essere ammortizzate tramite la rateizzazione.

Per i contratti in regime di mercato tutelato l’Arera ha stabilito quando può essere richiesto il pagamento rateizzato:

  • Mancata lettura del contatore
  • Malfunzionamento del contatore
  • Quando il conguaglio supera del doppio l’importo di una delle bollette con i consumi stimati.

Per quanto riguarda il mercato libero, invece, la rateizzazione è vincolata alle condizioni del contratto sottoscritto. Fornitori di luce e gas come Iren, ad esempio, permettono un pagamento rateizzato per importi superiori a 50 euro. La rateizzazione deve essere richiesta entro i 10 giorni successivi alla scadenza di pagamento della bolletta.

Risparmiare sulla bolletta

Spesso, per evitare sorprese, è sufficiente adottare alcuni piccoli accorgimenti pratici, come saper leggere la bolletta della luce o fare periodicamente l’autolettura del contatore.

Inoltre, scegliere il gestore che offre la tariffa più bassa può fare la differenza. Prezzogiusto può aiutarti a valutare se il tuo fornitore ti sta applicando un buon prezzo: compila il form qui sotto un esperto ti ricontatterà entro 24 ore.