Home RISPARMIO Energia Cali in bolletta gas sul mercato tutelato: è davvero così?

Cali in bolletta gas sul mercato tutelato: è davvero così?

Condividi questa notizia su:
risparmio bolletta cali gas mercato tutelato

Cali in bolletta gas, cosa c’è di vero?

Abbiamo parlato di bollette luce e gas riportando quanto comunicato da Arera sulle tariffe del mercato tutelato. Stando alle ultime stime il gas dovrebbe subire un importante calo.

Il risparmio annunciato è reale? La tariffa tutelata è davvero più vantaggiosa di quelle proposte nel mercato libero? Vediamolo insieme.

Bollette: come si compongono le tariffe

Bisogna tenere presente che il risparmio in bolletta generalmente dipende dalla diminuzione del prezzo della materia prima. Imposte e oneri di sistema non si riducono e, anzi, continuano ad avere un peso significativo in bolletta.
Per valutare in maniera precisa quanto il ribasso della materia energia sia rilevante, è quindi utile sapere quali sono le voci che compongono le tariffe di luce e gas.

Luce

  • 42% spesa per materia energia
  • 13% imposte (accise e IVA)
  • 20% trasporto e gestione contatore
  • 25% oneri di sistema

Gas

  • 39% spesa per gas
  • 38% imposte (in alcune regioni, ad accisa e IVA, si aggiungono anche le addizionali regionali)
  • 19% trasporto e gestione contatore gas
  • 4% oneri di sistema

Si tratta della composizione percentuale del prezzo di energia elettrica e gas dichiarata sul sito di Arera in riferimento al secondo trimestre del 2019.

Leggi anche: Subentro luce e gas: riattiva subito il contatore

Mercato tutelato unico beneficiario dei cali in bolletta

Il ribasso annunciato sul gas riguarda solo il mercato tutelato e, quindi, circa 20 milioni di utenze domestiche in Italia (60% del totale).
Consideriamo che si tratta di tariffe che subiscono forti variazioni periodiche. Dunque il risparmio in bolletta potrebbe essere una gioia di breve durata. Inoltre, secondo un’indagine di mercato, appare evidente che le oscillazioni di prezzo, più che ribassi, siano dei riallineamenti

Oscillazioni prezzi bollette gas e luce

In pratica chi si trova ancora sul mercato tutelato spende all’incirca quanto spendeva nel 2017, prima delle tensioni politiche che fecero schizzare alle stelle il prezzo di gas e petrolio.

Il mercato libero è un’alternativa conveniente?

Gli oneri di sistema stabiliti da Arera ogni trimestre valgono anche per il mercato libero; a cambiare da fornitore a fornitore è però il costo della materia prima. E la concorrenza su questo aspetto è davvero tanta.
Dunque, al netto delle considerazioni fatte sui cali in bolletta, rimanere nel mercato tutelato raramente è conveniente, mentre il passaggio al mercato libero potrebbe essere un’ottima scelta. Occorre però trovare l’offerta migliore per risparmiare il più possibile su luce e gas della tua casa. 

Leggi anche: Come cambiare fornitore luce | Le guide di Prezzogiusto

Assicurati la tariffa migliore

Le offerte sul mercato sono innumerevoli e per questo molti utenti si trovano a non sapere per quale scelta optare. 

Allo scopo di chiarire tutti i dubbi Prezzogiusto ha aperto un servizio di comparazione per fornire le indicazioni necessarie in base alle esigenze di ogni utente.

E’ sufficiente cliccare qui sotto (scopri l’offerta) e compilare il form per essere subito ricontattati.

Scopri l’offerta