Home RISPARMIO Energia Come cambiare fornitore gas | Le guide di Prezzogiusto

Come cambiare fornitore gas | Le guide di Prezzogiusto

Condividi questa notizia su:

La libertà di cambiare fornitore gas: scegliere una nuova offerta

La tua bolletta è troppo salata e vorresti cambiare fornitore per approfittare di un’offerta più economica? Nessun problema! PrezzoGiusto ti darà le dritte utili e tutti i consigli che ti servono.

Prima di tutto cambiare fornitore gas è:

  • gratuito
  • senza impegno
  • non c’è interruzione del servizio gas
  • non è necessario sostituire il contatore

Vediamo ora come procedere per disdire il nostro contratto e passare a un nuovo fornitore:

Sommario

Contratto non vincolante

È bene ricordare che il contratto non è vincolante, se è stato stipulato fuori dalla sede commerciale. Per telefono o su internet è garantito il cosiddetto diritto di ripensamento.

Entro 14 giorni dalla firma infatti, si ha il diritto al recesso, senza alcuna penale, tramite raccomandata. Inoltre si può decidere di tornare al servizio di maggior tutela in qualsiasi momento.

Lo switch

Lo switch, ossia il passaggio a un altro fornitore, è piuttosto semplice. Si può sottoscrivere un nuovo contratto tramite telefono oppure online.

In entrambi i casi Prezzogiusto può darti una mano: è sufficiente compilare il form qui sotto e un consulente specializzato ti ricontatterà entro 24 ore per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno:

Il contatore non cambia

Dal punto di vista tecnico nulla cambia, poiché rimane il medesimo contatore. La materia prima è invariata poiché i tubi e gli impianti sono gestiti dal distributore locale, che rimane lo stesso.

cambiare gestore gasPotrebbe interessarti anche: Come risparmiare sulle bollette di luce e gas – I consigli di PrezzoGiusto

Tariffe e costi

La concorrenza dei fornitori nel mercato libero varia sul prezzo della materia prima del gas. Ogni fornitore quindi può scegliere liberamente quale prezzo proporre ai propri clienti.
Esistono tuttavia dei costi tecnici, come le imposte, i servizi di rete, gli oneri generali che rimangono in tutte le bollette e si diversificano solo a seconda delle categorie a cui appartengono gli utenti, come per esempio domestico o non domestico.

cambiare gestore gasLo sapevi che? Nel mercato libero dal 2007 è possibile usufruire di servizi differenti, come la possibilità di avere energia proveniente da fonti rinnovabili o servizi per la casa

 

Fare lo switch è completamente gratuito, talvolta è possibile vengano addebitati 16 euro per i costi del bollo

Dati per cambiare contratto

Per cambiare operatore è necessario avere al momento della sottoscrizione del contratto alcuni dati sensibili come:

  • Dati anagrafici dell’intestatario, nome cognome, codice fiscale
  • Dati fornitura
  • Codice PDR: Il codice PDR corrisponde nello specifico alla posizione fisica del contatore al quale si effettua la consegna della materia prima. Le prime 4 cifre del PDR identificano l’impresa di distribuzione, mentre le altre 10 sono specifiche per l’utente
  • Recapiti telefonici o mail
  • Codice Iban per la domiciliazione bancaria (In questo modo non sarà necessario pagare il costo del deposito cauzionale)

Tempistiche

Una volta sottoscritto il nuovo contratto è necessario attendere un certo tempo, durante il quale il nuovo operatore prende in carico le questioni tecnico-amministrative.

I tempi tecnici dello switch sono stabiliti dalla legge e identificano il tempo del preavviso entro il quale necessariamente deve avvenire il cambio del fornitore. La data infatti deve essere indicata al momento del contratto. Il passaggio avviene per prassi il 1 del mese. Durante questo periodo si continuerà a ricevere la fornitura dal vecchio operatore. Arriverà un’ultima bolletta con il conguaglio, dopo aver ricevuto la lettura aggiornata del contatore dal distributore, detta anche bolletta di chiusura.

I tempi di attesa per i clienti domestici sono di circa 1-2 mesi a partire dal 1 giorno del mese successivo alla richiesta. Per quanto riguarda i clienti non domestici: per il servizio di maggior tutela 1 mese, per il libero mercato 3 mesi

La fornitura GAS non subirà nessuna interruzione.

Per scoprire come cambiare il fornitore luce  leggi qui l’articolo dedicato.