Home RISPARMIO Fatturazione a 28 giorni: come chiedere rimborso agli operatori telefonici

Fatturazione a 28 giorni: come chiedere rimborso agli operatori telefonici

Condividi questa notizia su:
Fatturazione a 28 giorni: come chiedere rimborso

Bollette a 28 giorni, le modalità di rimborso a seconda del gestore telefonico 

Sono passati mesi dall’annuncio dei rimborsi per le bollette a 28 giorni e, dopo varie sentenze e relativi ricorsi, gli operatori telefonici stanno finalmente attivando le procedure di rimborso. 

Non tutti i gestori di telefonia, però, propongono un indennizzo monetario. Alcuni, infatti, offrono ai loro clienti la possibilità di usufruire di promozioni e servizi extra.

In questo panorama diventa quindi difficile muoversi. Con la Guida di Prezzogiusto vogliamo fare un po’ di chiarezza. 

Fatturazione a 28 giorni: chi ha diritto al rimborso

I rimborsi spettano agli utenti di telefonia fissa sotto contratto da almeno giugno 2017. L’indennizzo riguarda nello specifico le bollette indebitamente fatturate a 28 giorni (e non mensilmente) tra il 23 giugno 2017 e il 5 aprile 2018.

Ancora da stabilire sono, però, le procedure di rimborso per coloro che nel frattempo hanno cambiato operatore e che quindi non possono essere direttamente rimborsati. 

Leggi anche: Costi per cambio operatore e recesso anticipato: le linee guida di AGCOM

Modalità di rimborso e procedure di richiesta

Come già accennato sopra, alcuni operatori mettono a disposizione un modulo per la richiesta di rimborso tramite storno in fattura, ma esistono anche altri scenari possibili. Ecco quindi come si comportano i diversi gestori telefonici.

Vodafone

A questo indirizzo è disponibile il modulo Vodafone per fare richiesta di restituzione giorni erosi. È sufficiente compilare i campi con i propri dati e il codice cliente, e si verrà ricontattati al numero indicato nel modulo.

Vodafone, inoltre, offre ai suoi clienti la possibilità di richiedere una compensazione alternativa che si traduce in un pacchetto che comprende:

  • 50 giga validi per un mese sulla SIM mobile, in caso di clienti convergenti, o sulla SIM dati associata all’offerta di rete fissa;
  • 5 voucher:
    • Nespresso, buono sconto di 120 euro sull’acquisto di una macchina Lattissima, 100 capsule e un descaling kit (con spesa finale di 179€ anziché 299€)
    • Nike, sconto 20%
    • Saldi privati, sconto di 10 euro su una spesa di 50 euro
    • Traveller, un anno di abbonamento gratuito alla rivista digitale
    • Philips, sconto di 25 euro su una spesa di 80 euro

Gli utenti che possono farne richiesta riceveranno una comunicazione via SMS, mail o lettera e potranno attivare il pacchetto di servizi extra rispondendo all’SMS stesso o inserendo i dati personali sulla pagina voda.it/voucher.

Leggi anche: Elenco telefonico addebitato in bolletta: come inviare la disdetta

 

Wind Tre

Bisogna accedere all’Area Clienti per scoprire le soluzioni di ristoro che Wind Tre propone ai suoi utenti. Viene data la possibilità di scegliere fra promozioni di Partner selezionati, sconti sull’acquisto di cellulari e giga gratuiti.
In alternativa, si può sempre optare per il rimborso tramite storno in fattura.

TIM

Il Consiglio di Stato deve ancora pronunciarsi sul ricorso di TIM per quanto riguarda la legittimità del rimborso.
Ma nel frattempo, tra le news sul sito, si legge che TIM concede ai clienti oggetto di fatturazione a 28 giorni l’attivazione in promozione gratuita di uno di questi servizi:

  • TIM Vision, la TV di TIM con tanti contenuti a disposizione.
  • Chi è, per visualizzare il numero di chi chiama sul display del telefono di casa.
  • Extra Voice, per chiamare senza limiti i telefoni nazionali fissi e mobili
  • Voce internazionale, per chiamare senza limiti i telefoni fissi di Stati Uniti, Canada ed Europa occidentale.
  • Max Speed, per sfruttare al massimo la connessione Internet e navigare fino a 100 Mbit/s

I clienti dovranno scegliere un servizio non ancora attivo sulla propria linea e ne potranno usufruire gratis per 6 mesi.
Per l’attivazione si potrà chiamare il Servizio Clienti Linea fissa 187, accedere all’Area MyTIM o recarsi in un negozio TIM.

Gli utenti non interessanti, potranno comunque richiedere a TIM la restituzione dei giorni erosi con la fatturazione a 28 giorni attraverso i consueti canali conciliativi.

Leggi anche: Offerte internet casa: le migliori tariffe TIM, Vodafone e Wind