Home Le guide Prezzogiusto Interruzione di energia elettrica: cosa fare in caso di danni

Interruzione di energia elettrica: cosa fare in caso di danni

Condividi questa notizia su:
Interruzione energia elettrica: cosa fare in caso di danni
Risparmia sulla bolletta

Come ottenere il rimborso per i danni da mancanza di corrente elettrica

Non è raro che i fornitori di energia si trovino a dover interrompere la corrente per guasti alla rete o interventi di manutenzione.
In questi casi gli utenti ricevono un avviso in anticipo, così da prendere precauzioni e tutelarsi da eventuali danni agli apparecchi elettronici presenti in casa o nei propri locali. 

Può capitare, però, che l’interruzione della fornitura sia improvvisa e che l’erogazione del servizio riprenda solo dopo svariate ore compromettendo il funzionamento degli elettrodomestici. Per le attività commerciali, poi, la mancanza di corrente può addirittura comportare ingenti perdite economiche

Danni da prolungata interruzione di energia elettrica

Al termine del blackout è possibile che le apparecchiature elettroniche domestiche difettino o che, nel peggiore dei casi, smettano di funzionare

Gli sbalzi di tensione e l’interruzione di energia elettrica, infatti, causano spesso guasti a prese, interruttori, caricabatterie, modem e telefoni, ma anche pc e altri elettrodomestici. 

Come chiedere il rimborso

Gli utenti che subiscono un danno in seguito alla mancanza di corrente devono inviare un reclamo scritto al fornitore o al distributore di energia, che è tenuto a rispondere. 

Se non si riceve risposta o il reclamo viene respinto, si può tentare la conciliazione e, in ultima istanza, ricorrere alle vie legali. 

Bisogna però tenere presente che la prova del nesso di causalità tra l’interruzione di energia elettrica e il guasto spetta all’utente.
Inoltre i fornitori e i distributori in genere nei contratti elettrici inseriscono preventivamente delle clausole che limitano le proprie responsabilità per i danni da interruzioni della fornitura. 

Rimborso automatico per interruzioni di energia elettrica

L’Arera stabilisce l’erogazione di un rimborso automatico in bolletta nel caso l’elettricità manchi oltre l’arco di tempo massimo previsto per il ripristino.

La durata dei blackout

Per le interruzioni con preavviso, la durata da superare per ottenere il rimborso è di 8 ore, sia per le famiglie che per le imprese.

Per quelle senza preavviso, invece, le tempistiche per il ripristino delle utenze a bassa tensione sono di:

  • 8 ore nei comuni con più di 50.000 abitanti;
  • 12 ore nei comuni fino a 50.000 abitanti.

Per le utenze a media tensione, lo standard da oltrepassare sarà rispettivamente di 4 e 6 ore.

Importo del rimborso 

L’ammontare del rimborso automatico è pari a:

  • 30€, con un aumento di 15 euro ogni ulteriori 4 ore di interruzione (fino a un tetto massimo di 300 euro) per i clienti con potenza inferiore o uguale a 6 kw;
  • 150€, aumentato di 75 euro ogni ulteriori 4 ore (fino a un massimo di mille euro) per le utenze con potenza inferiore o uguale a 100 kW e superiore a 6 kW.

Trova la migliore offerta luce 

Stai valutando di cambiare fornitore e scegliere una nuova promozione per l’energia elettrica?
Confronta le proposte più convenienti tramite il comparatore Prezzogiusto e richiedi una consulenza gratuita e personalizzata